AIR: Ginnastica Respiratoria

Il concetto base che ha guidato la programmazione di questa attività è stato considerare l’attività fisica come importante complemento a tutte le altre attività organizzate dall’Associazione Insufficienti Respiratori per l’acquisizione ed il mantenimento del benessere psicofisico della persona.

La rieducazione respiratoria è riservata a tutti gli iscritti all’AIR e a tutti coloro che si vogliono avvicinare all’associazione e decidono di farne parte in seguito.Tutto il lavoro viene programmato in stretta collaborazione tra insegnante, AIR, ASD Equipe e specialista in pneumologia.

Questo corso introduce i partecipanti alla dinamica respiratoria con esercizi di mobilità costo-vertebrale e riconoscimento dei fattori di limitazione respiratoria. E’ indicato a tutti coloro che intendono conoscere il buon funzionamento dell’atto respiratorio.

Ormai è risaputo attraverso studi e ricerche che l’esercizio fisico eseguito con regolarità contribuisce in maniera determinante al mantenimento di un buono stato di salute nell’anziano e al rallentamento dei processi di invecchiamento.

Nell’anziano si ottengono benefici relativi alla funzione respiratoria attraverso un allenamento aerobico che porti al miglioramento del massimo consumo d’ossigeno. Il trattamento in questi soggetti si prefigge lo scopo di favorire la detersione delle vie aeree e di migliorare la ventilazione polmonare. La tecnica usata è la ginnastica respiratoria che ha lo scopo di migliorare le escursioni del diaframma e di potenziare la muscolatura dell’addome. Si completa l’attività con esercizi a carattere generale che possono “prevenire o correggere” le alterazioni scheletriche e muscolari della gabbia toracica, del cingolo scapolo-omerale e del diaframma migliorando la funzione respiratoria. In soggetti che svolgono attività motoria è stata osservata una riduzione delle riacutizzazioni della patologia di base.

L’attività è sempre stata sostenuta dall’AIR e dall’ASD Equipe per i suoi contenuti motori e per l’alto valore psico-sociale. I corsi di educazione e rieducazione respiratoria per insufficienti respiratori sono svolti generalmente in gruppi di 12-15 persone e si ispirano ai concetti generali dell’Educazione Fisica per la Terza Età con riferimenti più specifici alla funzione respiratoria. L’attività è seguita da un insegnante di Educazione Fisica, il quale inserisce delle proposte che hanno lo scopo di ottenere il mantenimento armonico di tutte le qualità fisiche dell’anziano, quali l’equilibrio, la mobilità articolare, la coordinazione, il tono muscolare e l’endurance. Gli esercizi di respirazione classica, di respirazione AIR e Yoga modificati vanno a completare tutto questo lavoro di carattere generale.

Anche l’aspetto ludico, elemento basilare del processo educativo dell’uomo in qualsiasi età, trova applicazione per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. I giochi in genere forniscono una grande varietà di stimoli ed è certamente riduttivo sintetizzare gli obiettivi tecnico motori, cognitivi relazionali presenti nei giochi proposti. Le capacità senso-percettive, coordinative, le abilità tecniche, le capacità di osservazione, di prendere iniziative, di sicurezza di sé, di autocontrollo, di collaborazione, fanno sì che questa attività sia in linea con gli obiettivi che il corso si propone.

Tutte le situazioni consigliate sono di facile preparazione e realizzazione, ed hanno come chiara e comune caratteristica il divertimento ed il sano e corretto confronto. I contenuti racchiudono le principali abilità tecnico-motorie con notevoli sollecitazioni cognitive-relazionali. Nei giochi a confronto, ad esempio, si evidenziano nell’anziano in maniera diversa le sue possibilità e le sue capacità, attraverso attività utili e socializzanti. Nei partecipanti si crea l’opportunità di rendere l’intervento sempre efficace: l’interesse e la partecipazione, l’incoraggiamento e la gratificazione, il lavoro simultaneo e la variazione dell’attività contribuiscono a creare un clima positivo.

 

Insegnante: Prof. Francesco Bomben