8^ Passeggiata non competitiva per Acque e Parchi

Scritto da Keivan il 22 settembre 2011. Pubblicato in Eventi

Il percorso

Nel percorso della passeggiata vengono toccati i più peculiari elementi ambientali che Pordenone offre. Alti livelli di qualità in tal senso sono racchiusi ad esempio nel parco Quercini – Valdevit di fronte alla stazione ferroviaria che si caratterizza per i suoi dislivelli di terreno e la consistente copertura di alberi di alto fusti e il residuo dell’originario laghetto, dove si specchiava la bella villa poi demolita per far posto al cosiddetto Bronx.

Si passa con il percorso nel parco pubblico più vecchio di Pordenone quello all’italiana di viale Gorizia, di forma circolare contornato da più file di alti tigli e siepi che ne accentuano la forma.

Da segnalare anche il parco Galvani, il secondo in ordine di tempo in città, acquisito dal Comune dalla storica famiglia di industriali della ceramica, con all’interno la villa, il laghetto e un vasto prato oltre ai numerosi alberi di cui molti di piantumazione recente

La passeggiata, come nelle precedenti edizioni, passerà per la vasta area del Seminario, in gran parte acquisita in uso dal Comune dove nella parte privata è gestito il bel parco lambito dal canale di gronda della centrale idroelettrica, ancora attiva, del Cotonificio Veneziano.

Il percorso si snoda poi attraversando il grande Parco di S.Valentino, polmone verde della città, che presenta molti punti di interesse al suo interno: il laghetto con numerosi pesci e fauna acquatica, il percorso podistico, i giochi per i bambini, la collinetta già ghiacciaia, l’ edificio dell’ex Cartiera, e il vasto prato nella parte a Nord contornato da alte quinte di alberi. A valle del parco di San Valentino, alimentato dalla roggia Vallona c’ è anche il lago più piccolo, quello di S.Carlo, che presenta all’interno un vecchio opificio protoindustriale che sfruttava l’ abbondanza d’ acqua proveniente dalla roggia per l’energia ed era inoltre previsto l’uso diretto per impastare materiali per la ceramica Galvani.

Punto importante del percorso sarà ancora quest’anno il molo cittadino sul fiume Noncello non lontano dal Municipio. Nell’area sarà posizionato un posto di ristoro e contemporaneamente al passaggio dei partecipanti della Passeggiata partiranno le canoe che effettueranno la discesa del fiume fino alla Dogana di Vallenoncello, per poi ritornare al punto di partenza controcorrente.

C’è da ricordare che la località Dogana di Vallenoncello costituiva il punto terminale del percorso che facevano i burci fino agli anni’ 50, grandi barche di legno che risalivano i fiumi “ad attiraglio” trainati da buoi o cavalli, provenienti da Venezia mentre in centro a Pordenone arrivavano le barche solo in epoca storica.

Clicca per vedere il volantino

Trackback dal tuo sito.